Una delle attività che portiamo avanti con Cinetica è la realizzazione di progetti VDI (Virtual desktop infrastrutture) e, proprio per questo, ogni tanto, facciamo delle selezioni di hardware per i nostri clienti in modo da poter presentare una short list di soluzioni che possano soddisfare le loro esigenze. In questo momento stiamo selezionando dei thin client per due clienti che hanno intenzione di virtualizzare un numero importante di PC e che quindi vogliono essere sicuri di fare la scelta giusta… senza però spendere troppo tempo in dimostrazioni e prove (spesso poco indicative) con vendor e rivenditori.

Quando ho scritto di VDI, nella maggior parte delle volte (1,2,3,4), ho parlato in generale di infrastruttura. Al contrario, Questo articolo fa parte di una piccola serie di prove tecniche sui prodotti che normalmente sono il frontend per gli utenti finali nei progetti di VDI (qui il primo). (per ragioni legate alla mia ricerca farò riferimento quasi esclusivamente a prodotti compatibili con VMware View ma molti dei prodotti di cui scriverò hanno anche una versione compatibile con l’architettura Citrix).

il nuovo volto di Samsung

Come promesso nel precedente articolo questa volta abbiamo provato un prodotto Samsung.
Samsung è una azienda Koreana nota nel mondo soprattutto per i suoi prodotti consumer (Telefonia mobile e TV su tutti) e, nell’industria, per la componentistica. Da qualche anno questa azienda, che da sola produce circa un quarto del PIL Koreano, ha una posizione di leadership nei mercati a lei più vicini (se non ricordo male, quasi una TV su due comprate in Italia è Samsung!). Ultimamente però, la strategia di Samsung si è allargata anche al mercato enterprise e i primi prodotti sono stati proprio i monitor.  

NC-190

Il prodotto, che Samsung Italia ci ha gentilmente fornito, per i nostri test è l’NC190: un monitor con PCoIP integrato. Da un punto di vista prettamente estetico questo monitor si presenta come un normalissimo monitor, solo leggermente più profondo. Essendo prima di tutto un monitor e potendo operare come tale, troviamo sia una porta DVI che una VGA a cui è possibile collegare, ad esempio, un notebook. Ovviamente la parte interessante dell’oggetto non è il monitor in se ma la sua funzionalità come thin client, a tale proposito sono presenti: una porta ethernet, 2 porte USB e una ulteriore porta VGA utile per l’estensione dell’area di lavoro con un secondo monitor!

La configurazione è banale, praticamente si collega il tutto e in pochi secondi il dispositivo è pronto per essere usato come client. Non mi soffermerò neanche tanto sull’esperienza d’uso: ottima ma  praticamente identica a tutti i dispositivi che montano il chip Teradici.

Una chicca interessante è sicuramente la presenza di una seconda porta ethernet (che non avevo menzionato in precedenza): questa seconda porta permette di collegare un secondo dispositivo alla rete (ad esempio un terminale VoIP o un notebook) alla rete senza dover utilizzare una seconda presa! decisamente utile, economico e comodo… unico, grande, difetto è che non supporta il PoE!

Il risultato del test è stato eccellente e sicuramente è un prodotto che consiglierei vivamente a tutti i clienti. Devo però aggiungere che, spesso, i progetti VDI tendono a sostituire progressivamente l’installato PC lasciando all’utente il monitor LCD che aveva in precedenza, in questo caso il costo del Monitor PCoIP è sicuramente più elevato di quello del solo thin client.

Samsung aggiungerà presto altri monitor a questa linea di prodotti (ora esiste anche un 24″ ma ci sarà presto anche un 21″ con un form factor diverso) e, secondo le persone con cui ho parlato, non esisterà a breve una versione del client senza monitor.

I prodotti che vengono menzionati in questi articoli sono stati testati durante le nostre precedenti attività o forniti gratuitamente dai rispettivi fornitori/vendor con l’obiettivo di provarli e verificarne le caratteristiche in laboratorio. Gli autori non percepiscono nessun compenso e non hanno alcun obbligo verso i fornitori/vendor riguardo a questi test sugli eventuali articoli che scrivono. Per ulteriori informazioni sull’etica di questo sito clicca qui.