Select Page

Categoria: Cloud

I container saranno tutti uguali, finalmente!

Circa tre settimane fa, alla DockerCon, è stato annunciato un progetto open source a cui hanno aderito praticamente tutti i vendor che si occupano a qualche titolo di container. Questo cambia, ancora una volta, le carte in tavola… ed è molto positivo per lo sviluppo die container. Cosè un container Il concetto di container è tutto meno che nuovo. Anche questo esiste dall’epoca dei mainframe, ha visto alcune iterazioni nel mondo Unix e alla fine è stato riproposto nel mondo Linux (e sarà presto disponibile su Microsoft). In pratica, al contrario di una VM, alcune componenti del sistema operativo...

Read More

NoSQL, un’opportunità per tutti (e due parole su Basho)

SQL è di gran lunga il linguaggio più utilizzato per interrogare i DB. Ed è anche relativamente facile da imparare e le strutture dei DB SQL sono conosciute un po a tutti. Ma i database tradizionali come Oracle o MariaDB (giusto per fare un paio di esempi) hanno una scalabilità relativamente limitata e consumano la maggior parte delle loro risorse a garantire la consistenza delle transazioni… cosa, che spesso è meno necessaria di quanto si creda. Inoltre, questo lo dico sempre, la quantità di dati che stiamo generando è tale che, indipendentemente dal tipo di azienda/organizzazione, dobbiamo tutti pensare...

Read More

Users.unplugged, la settimana prossima!!!

La settimana prossima ci sarà il primo Users.unplugged. Un evento a cui ho lavorato per un paio di mesi e che ha l’intenzione di riunire persone che si occupano di IT per condividere esperienze e opinioni sulle rispettive infrastrututre. Non il solito seminario, anche se ci saranno un paio di sessioni mie, ma un modo per dare voce a chi le cose le fa tutti i giorni e vuole confrontarsi con altri professionisti IT su quelle che sono state le sue scelte e su quello che stanno facendo gli altri. Avremo diversi casi di studio e ci sarà una...

Read More

Ma cosa vuole Google da noi?

Non so chi ha seguito la vicenda, ma pochi giorni fa Google ha rilasciato una nuova versione di Google Photos, ora totalmente separata da Google+… Finalmente! Il problema, come al solito, è sui dubbi legati alla privacy e al cloud. Anche se spesso si tratta più di male informazione che di reali rischi. Questo succede ovunque, sia nel settore Consumer che in quello Enterprise e magari questa può essere l’occasione per discuterne più approfonditamente. L’esempio di Google Photos Google Photos è uno dei tanti tool che ci sono in giro per salvare e gestire le proprie immagini. Ne esistono di tanti tipi e fornitori diversi ma hanno tutti un costo che, a volte, può essere elevato. Io ho circa 200GB di foto sparse su diversi archivi e volevo consolidare il tutto. Google Photos mi è sembrato subito una opportunità ma c’è chi dice che, facendolo, si mette a rischio la propria privacy e quella di tutti quelli che sono ritratti nelle tue foto! Le cose non stanno proprio così, ma è vero che abbiamo tutti visioni e necessità diverse, quindi penso sia bene capire bene di cosa si tratta. Molti servizi di archiviazione delle foto sono a pagamento: Flickr di Yahoo, iCloud di Apple, Dropbox, ecc. Tutti ti danno un free tier, pochi GB per testare il servizio, ma se inizi ad usarlo seriamente sarai costretto a pagarlo. Il...

Read More

Disclaimer

The views expressed on these pages are mine alone and not (necessarily) those of any current, future or former client or employer. As I reserve the right to review my position based on future evidence, they may not even reflect my own views by the time you read them. Protip: If in doubt, ask.